Venerdì 11 gennaio, alle ore 15.30 (G) e alle ore 20.00 (A), al Teatro Carlo Felice, va in scena il celebre balletto Il lago dei cigni, il secondo titolo del ciclo Čajkovskij realizzato con il sostegno di Crédit Agricole, al quale seguirà il 31 gennaio 2019, La bella addormentata – balletto sul ghiaccio di San Pietroburgo.

Protagonista, nuovamente il Balletto del Teatro Astana Opera, con la Direzione Artistica di Altynai Asylmuratova, ex prima ballerina del Balletto Kirov del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo, grandissima étoile che è stata massima interprete di tutti i principali titoli del balletto classico.

Il lago dei cigni non è semplicemente un balletto classico: è il balletto classico per antonomasia. Incompreso al debutto (Teatro Bolshoi, 1877), è diventato, col tempo, l’emblema della danza sulle punte in tutù bianco. Al punto che la donna-cigno, con i suoi movimenti eleganti, flessuosi ed eterei è ormai l’icona stessa della ballerina classica.

Le origini della vicenda risalgono ad antichi racconti popolari russi e tedeschi incentrati sul mito della donna-animale, un genere molto amato nel romanticismo; e l’intreccio è ricco di risvolti psicoanalitici ancora attuali, come il conflitto tra Odette e Odile, il cigno bianco e il cigno nero, due metà della stessa figura “doppia”. Čajkovskij, uomo lacerato, non meno della principessa protagonista, nella musica del Lago mise tutto se stesso, trasfigurando in note i propri tormenti interiori, a cominciare dal famoso Leitmotiv, pieno di pathos, tragico e fatale.

Il Balletto del Teatro Astana Opera, nel proporre Il lago dei cigni al Teatro Carlo Felice, ha scelto la versione di Marius Petipa e Lev Ivanov del 1895, rivisitata da Altynai Asylmuratova: tra le tante che si sono succedute dall’800 a oggi, quella storicamente più importante, nonché la più durevole.

La direzione dell’Orchestra del Teatro Carlo Felice è affidata ad un artista di rilievo, Arman Urasgaliyev, che si alternerà con Abzal Mukhitdinov, entrambi applauditi recentemente nella direzione de Lo schiaccianoci.

Le scene sono state realizzate da Ezio Frigerio, i costumi creati da Franca Squarciapino e le luci sono firmate da Virginio Cheli.

Balletto in 2 atti

Musica di Pëtr Il’ič Čajkovskij

Libretto Vladimir Begicev e Vasiliij Ghel’tzer

Coreografia Marius Petipa e Lev Ivanov – versione rinnovata

Direttori Arman Urasgaliyev, Abzal Mukhitdinov

Scene Ezio Frigerio

Costumi Franca Squarciapino

Luci Virginio Cheli

Direttrice artistica del corpo di ballo del Teatro Astana Opera Altynai Asylmuratova

Primi ballerini:

Odette-Odile Madina Basbayeva, Aigerim Beketayeva, Anel Rustemova, Assel Shaikenova.

Siegfried Olzhas Tarlanov, Yerkin Rakhmatullayev, Tair Gatauov.

Rothbart Zhanibek Imankulov, Arman Urazov.

Il buffone Bakhtiyar Adamzhan, Serik Nakyspekov, Beibarys Akarys.

Orchestra del Teatro Carlo Felice


Repliche:

Sabato 12 gennaio – 15.30 (F) – 20.00 (B)

Domenica 13 gennaio – 15.30 (C)

Info e ticket su

www.carlofelicegenova.it/2018/07/02/il-lago-dei-cigni/

A proposito dell'autore

Fabio Montobbio

Genovese. Studi in architettura, trasformatisi ben presto in passione per il design, la grafica e la comunicazione. Attento a tutto cio' che è lifestyle, dalla moda alla tecnologia. Scrivere è un modo per allargare i miei orizzonti, per tenermi sempre aggiornato sulle innovazioni che offre il mercato.