Il performer internazionale di Roadbike freestyle Vittorio Brumotti spiega passo passo come fare il check up alla propria bicicletta dopo la pausa invernale.

É arrivata la primavera e questo vuol dire che, a parte gli avventurosi che non si lasciano intimorire dalle temperature rigide, è arrivato il momento di tirare fuori la bicicletta dal letargo in box, gonfiare le ruote e prepararsi ad affrontare l’asfalto (o lo sterrato). É ora quindi di scoprire in che condizioni sarà la vostra bicicletta rimasta ferma per chissà quanto tempo. Una volta capito lo stato delle due ruote, prima di tornare in sella occorre fare un check up in modo da viaggiare sempre in totale sicurezza e comfort.

E chi meglio del campione dalle performance irripetibili di roadbike freestyle e testimonial di Svitol, spray multifunzione adatto a molteplici utilizzi, può aiutarci con la remise en forme del nostro mezzo a due ruote?

Una bici non utilizzata durante i mesi invernali richiede delle semplici e rapide attenzioni che consentono di iniziare a riutilizzarla senza troppi sforzi sia in termini di tempo che di denaro. È doveroso prestare particolare attenzione soprattutto alle dotazioni di sicurezza come freni e luci. Gli strumenti necessari per queste operazioni sono quelli presenti in una qualsiasi cassetta degli attrezzi.

Prima di cominciare, sarebbe utile posizionare la bici su una rastrelliera: la soluzione migliore per tenere sollevate le ruote.

  • La sicurezza prima di tutto: controlla i freni!

Come prima cosa, effettuate un piccolo test sotto casa per verificare la resa dell’impianto frenante ed eliminare quella patina che potrebbe formarsi sui pattini e i cerchi dopo un periodo di inattività. Nel caso in cui la frenata non dovesse migliorare durante la prova e non fosse pronta e immediata, sostituisci i pattini o le pastiglie.

•    La parola dordine è: lubrifica! (le parti in movimento della bicicletta)

Esistono prodotti specifici sviluppati appositamente per le attrezzature sportive, come Svitol Easy Sport, in grado di lubrificare, pulire proteggere i meccanismi come catene e altre parti mobili. Ma, cosa si deve lubrificare esattamente? Principalmente tutti gli elementi mobili della trasmissione: la catena, gli snodi del cambio e del deragliatore e le “rotelline” del cambio posteriore. Per fare un lavoro di fino, è bene procedere anche con perni dei pedali, cavi dei freni e del cambio. Una parte importante della manutenzione della bici, infatti, riguarda il controllo dei meccanismi di regolazione. Con Svitol Easy Sport è possibile lubrificare e pulire l’attacco del manubrio e il meccanismo di bloccaggio della sella, molte volte sottovalutati nel bike care.

Dopo un lungo stop è probabile che i pedali abbiano qualche problema; occorre quindi ingrassare le filettature della pedivella, le viti di serraggio e le parti che andranno a contatto con i perni di movimento. Questa semplice operazione consente di rimettersi in sella con serenità.

  • Gira la ruota!

Come prima cosa sicuramente occorre riportare la giusta pressione alle ruote. Prima di iniziare a gonfiarle è meglio dare una controllatina allo stato di invecchiamento dello pneumatico: premendo il copertone con le dita, se si formano delle crepe sulle spalle, significa che ormai è “cotto” e va sostituito.

  • E luce fu!

Per strada è fondamentale essere sempre visibili. Se non avete una bicicletta con la dinamo, prima di uscire non dimenticate di controllare il funzionamento delle vostre luci e, nel caso, sostituite le batterie.

  • Anche locchio vuole la sua parte

Dopo il check up tecnico, è arrivato il momento di quello estetico. Come prima cosa, eliminate ragnatele e polvere con uno scopino.

Potete poi procedere con un panno umido e del detergente per la pulitura del telaio. Sciacquate poi con una semplice canna dell’acqua. Se pulite a fondo anche la catena o altre parti in movimento ricordatevi di ripristinare l’azione lubrificante di Svitol Sport.

Non avete voglia di usare l’acqua? Ci sono anche prodotti “a secco” come AREXONS ACQUAZERO che lava, lucida e protegge il telaio senza l’utilizzo di acqua: è sufficiente spruzzarlo sulla superficie da trattare e poi passare un panno di cotone asciutto. Può essere in tutta sicurezza su tutte le parti della bici tranne sulle ruote poiché contiene silicone e rende le superfici scivolose.

Dopo aver seguito i consigli di Brumotti, siete pronti per beneficiare della rete nazionale di piste ciclabili e ciclovie che continua a estendersi e migliorare in tutto il paese.


Azienda italiana del gruppo PETRONAS, AREXONS è il punto di riferimento nei prodotti per la manutenzione e la cura dell’auto, per il fai da te e l’industria. Da oltre 90 anni si prende cura e preserva nel tempo motori, macchinari e superfici, difendendo le performance, il valore economico e quello affettivo dei beni.
La forza del brand misura l’impegno costante di Arexons nel coniugare performance, facilità d’uso e sicurezza, con particolare attenzione per la comunicazione e la didattica di utilizzo. L’azienda commercializza svariate linee di prodotto a marchio AREXONS, SVITOL, WIZZY, FULCRON, SYSTEM, RAIN OFF, ROLIN FLUID, FRESCA FOGLIA, FEROX, VERNIFER.

A proposito dell'autore

L'Innovatore
Fondatore
Google+

L'Innovatore.it fornisce una raccolta di notizie assolutamente innovative. A partire dalle nuove tecnologie, per arrivare alle ultime Startup presentate dal mercato. Tutto correlato da approfondimenti sul business, marketing ed i mercati finanziari. L'Innovatore inoltre si dedica al miglioramento dello stile di vita dei suoi lettori fornendo chiavi importanti per il raggiungimento della felicita. Resta sincronizzato su l'Innovatore. Cresci e sviluppa la tua cultura 2.0. http://linnovatore.it/