Arriva anche in Italia Qwant Junior Mobile, l’applicazione dedicata ai giovani dai 6 ai 12 anni, basata su Qwant Junior, il search engine europeo per i bambini che non traccia la navigazione dei suoi utenti, i video sono visibili soltanto in modalità restrizione e, soprattutto, filtra i contenuti non idonei.

L’App Qwant Junior Mobile è disponibile per smartphone e tablet IOS e Android. Progettata per una navigazione sicura in Internet dei bambini dai 6 ai 12 anni,  il motore di ricerca Qwant Junior continua nel suo sviluppo mettendo a disposizione una applicazione gratuita per piattaforme mobili. Nasce così Qwant Junior Mobile, un browser moderno, veloce e, soprattutto, affidabile per permettere ai bambini di utilizzare Internet in tutta sicurezza.

La tecnologia di Qwant Junior Mobile garantisce che i bambini non possano accedere a siti e contenuti inappropriati per la loro età durante la navigazione. Quindi, se un piccolo sta cercando di navigare su una pagina che presenta contenuti non idonei, l’applicazione blocca l’accesso e, attraverso un messaggio ad hoc, spiega che il contenuto in questione non è adatto alla sua età e che deve chiedere il parere di un adulto. In linea con il DNA del motore di ricerca Qwant non raccoglie alcun dato personale: in questo modo non trasforma il piccolo navigatore in una “merce” o, meglio, in un potenziale soggetto interessante per le attività di marketing di prodotti o servizi. Per garantire una maggiore sicurezza, le principali piattaforme video online sono accessibili solamente in modalità con restrizioni, per garantire la completa protezione dei giovani utenti.

Qwant Junior Mobile si basa sul motore di ricerca Qwant Junior che, a soli due anni dal suo debutto, viene utilizzato da molte istituzioni e famiglie in Europa e Nord America. In effetti, Qwant Junior mostra contenuti educativi in linea con l’età dei suoi utenti, non raccoglie alcun dato sia personale sia relativo alle ricerche. Inoltre, filtra i risultati per nascondere i contenuti potenzialmente scioccanti per il giovane pubblico (pornografia, violenza, incitazione all’odio, consumo di droghe…).

Sviluppato in collaborazione con il Ministero Francese della Pubblica Istruzione ha l’obiettivo di offrire il più indicato contenuto educativo e, al tempo stesso, garantire condizioni generali di utilizzo compatibili come “strumento” in classe durante le lezioni scolastiche. Inoltre, il motore di ricerca Qwant Junior è completamente gratuito, senza pubblicità e non profila i suoi giovani utenti. Grazie ai suoi valori, Qwant Junior si è affermata come la scelta principale tra i motori di ricerca sia a casa sia nelle scuole.

«In particolare, c’era molta attesa attorno all’app mobile di Qwant Junior, non solo in Italia, perché genitori e insegnanti hanno bisogno di motori di ricerca e di browser sicuri per i bambini. È per questo motivo che siamo molto felici di poter annunciare la disponibilità di un’applicazione gratuita, senza pubblicità e che non sfrutta i dati personali anche per gli utenti più giovani e indifesi», ha dichiarato il Presidente e Co-fondatore di Qwant, Eric Léandri.

«La nuova app è la sintesi dell’impegno Qwant per favorire la diffusione di un nuovo concetto di educazione digitale, che combina sicurezza e divertimento degli utenti più piccoli, mostrando loro che la protezione della privacy è una pratica da apprendere e far propria sin dalla prima volta che si naviga in Internet. Infatti, Qwant Junior Mobile App è un ulteriore elemento nel percorso per aiutare i navigatori, sia adulti sia giovani, a raggiungere la necessaria consapevolezza sull’importanza della difesa dei propri dati personali per accompagnarli così verso un utilizzo sempre più corretto e consapevole della Rete», ha commentato il Country Manager di Qwant Italia, Fabiano Lazzarini

Per maggiori informazioni:

www.qwant.com

 


Qwant è il motore di ricerca leader in Europa, efficiente ed etico. Si basa su due pilastri fondamentali: proteggere la privacy delle persone non raccogliendo dati personali relativi alle ricerche effettuate e garantire la neutralità e l’imparzialità dei risultati. Lanciato nel 2013, oggi Qwant conta più di 60 milioni di visite al mese e ha registrato oltre 8,5 miliardi di richieste nel 2017. Fondata nel 2011, la società con sedi a Parigi, Rouen, Nizza e Milano ha ricevuto il sostegno di Axel Springer, della Banca Europea per gli Investimenti, di Caisse des Dépôts e dispone di importanti risorse per lo sviluppo.

A proposito dell'autore

L'Innovatore
Fondatore
Google+

L'Innovatore.it fornisce una raccolta di notizie assolutamente innovative. A partire dalle nuove tecnologie, per arrivare alle ultime Startup presentate dal mercato. Tutto correlato da approfondimenti sul business, marketing ed i mercati finanziari. L'Innovatore inoltre si dedica al miglioramento dello stile di vita dei suoi lettori fornendo chiavi importanti per il raggiungimento della felicita. Resta sincronizzato su l'Innovatore. Cresci e sviluppa la tua cultura 2.0. http://linnovatore.it/