Ultimamente abbiamo sentito un gran parlare di Startup. Con il termine startup si intende il tentativo di avvio di un’impresa, il più delle volte di carattere innovativo/sperimentale ad alta scalabilità. Le startup sono caratterizzate da un alto tasso di insuccessi e sconfitte, ma in molti non si danno per vinti e proseguono nel loro percorso.

Ma allora quanto guadagnano i founder di una Startup?

Un’analisi rivela che, in ambito startup, il 73% dei founder guadagna meno di 50k dollari l’anno. In Silicon Valley i numeri sembrano essere leggermente più alti, spostando il tetto a 75k dollari.

Lo studio è stato svolto da Compass su 11.000 startup nel mondo e tiene in considerazione solamente il salario annuale lordo, non considerando paghe derivanti da divisione degli utili, compensi straordinari, partecipazioni, ecc.

In effetti, anche Peter Thiel (VC  e co-founder di Paypal) già nel 2008 aveva pubblicato alcune ricerche che mettevano in evidenza come ad un’alta retribuzione fosse collegata una bassa possibilità di successo. Secondo Thiel la ragione è molto semplice ed immediata: chi sacrifica tutto per la propria startup è decisamente più convinto della propria idea e le dedica più tempo, dà l’esempio al proprio team e generalmente brucia denaro meno velocemente.

La ricerca di Compass, qualche anno dopo, sembra confermare la teoria di Thiel, come ci mostrano i grafici seguenti.

Insomma, il dibattito è ancora aperto e forse lo sarà sempre. Quello che ci portiamo a casa ancora una volta è la necessità di dover scommettere noi stessi prima di tutti sulla nostra startup…. Credetemi, è molto meno ovvio di quanto si possa pensare.

medium_Salaries_Overviewmedium_Likelihood_of_Successmedium_Average_Salaries_2medium_Average_Salaries_1medium_Torontomedium_Tel_Avivmedium_Silicon_Valleymedium_Sao_Paulomedium_London

 

[fonte: Compass]

A proposito dell'autore

Spirito dell’imprenditore, mentalità dell’ingegnere e creatività dell’italiano. Ho fondato Creativa, una startup con l’obiettivo di connettere multinazionali a studenti universitari. Sono passato poi in Astaldi e dopo ancora in American Express. Ora sono in Procter&Gamble. Ho aiutato diverse startup a nascere e continuo a farlo. Ho 27 anni.