Seo, Sem, Ppc, Smm e tante altre sigle. Se siete già avvezzi a questo tipo di linguaggio conoscerete certamente la valenza di queste definizioni, che al’apparenza possono sembrare solo degli anglicismi fini a loro stessi ma che invece rivestono una notevole importanza.

Va bene, ammettiamo che forse l’inglese ha “travolto” un po’ troppo il nostro modo quotidiano di esprimerci. E ammettiamo pure che quella presunta aura glamour conferita da queste espressioni anglofone a volte può sembrare fastidiosa. Ma c’è da sottolineare anche che il mondo corre più veloce di queste nostre fatue valutazioni di merito.

Detto questo, appare inevitabile al giorno d’oggi avere delle nozioni rispetto alle sigle sopra citate, ma non solo rispetto a quelle chiaramente. Per chi ancora non lo avesse capito stiamo parlando di tutto ciò che attiene al web marketing, disciplina in continua evoluzione che si ramifica in tante micro discipline interconnesse tra loro.

Ma come si fa ad acquisire le giuste conoscenze in questo settore?

Iscriversi ad un master in digital marketing è sicuramente importante, ma non può bastare. Bisogna fare tanta pratica “sul campo” per mettere in pratica le nozioni apprese a livello teorico. Sono sempre di più i corsi e i master che aiutano le persone ad avvicinarsi a questa disciplina. Anche gli imprenditori stanno comprendendo fino in fondo l’importanza relativa alla pubblicità online, e si stanno aggiornando rispetto agli ultimi trend anche grazie ai tanti convegni e festival che si svolgono durante l’anno.

La vera sfida, diciamolo fuori dai denti, è far capire a generazioni meno inclini alla tecnologia la portata e l’importanza reale che riveste una buona presenza online. Una portata vastissima e che è destinata a crescere ulteriormente, pur seguendo rapidissime evoluzioni che hanno bisogno di aggiornamento costante.

Non basta esserci, ma bisogna farlo conoscendo a fondo le tecniche di comunicazione e pubblicità online.

Le tecniche che si apprendono specializzandosi in digital marketing

Una specializzazione adeguata in digital marketing serve ad apprendere le migliori tecniche per far sì che un prodotto o un servizio venga presentato e valorizzato al meglio attraverso la pubblicità online.

Sito aziendale, profili social, ricerca organica e a pagamento: sono tutti aspetti da curare singolarmente nel dettaglio per creare una strategia integrata che permetta di raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti.

Alla base c’è proprio questo aspetto: porsi un obiettivo chiaro e quantificabile. Letta così questa affermazione può sembrare un’assoluta banalità, ed è invece uno dei principali errori che vengono commessi.

La spiegazione delle principali sigle

Visto che abbiamo iniziato questo articolo parlando di sigle, vediamo nello specifico cosa indicano alcune tra le principali.

Seo, ad esempio, non è altro che l’acronimo di Search Engine Optimization.

Si riferisce al traffico organico, ovvero quello che deriva da una semplice ricerca sui motori di ricerc a seguito di una query (richiesta) degli utenti. Fare una campagna Seo vuol dire mettere in atto le migliori strategie per “sfidare su Google” i propri competitor.

Sem (Search engine marketing) sta invece ad indicare il risultato dei motori di ricerca rispetto alle campagne a pagamento, sempre relative a determinate query. Google offre infatti la possibilità di fare campagne mirate per singole parole chiave al fine di farsi trovare più rapidamente dagli utenti.

Dem (Direct email marketing) indica invece le campagne pubblicitarie che vengono avviate tramite posta elettronica.

Smm sta per Social media marketing, e riguarda tutto ciò che attiene alla pubblicità tramite social media. Utilizzare i social per fare campagne pubblicitarie ben mirate è diventato fondamentale per tutte le attività, da quelle più piccole a quelle più grandi.

In particolar modo Facebook,(ma anche Twitter, Instagram e gli altri) se utilizzato correttamente può portare ad avere livelli di visibilità e interazione impensabili fino a qualche anno fa.

A proposito dell'autore