Avira, la nota società produttrice di antivirus, in occasione del Black Friday, invita a sensibilizzare i nostri lettori sui rischi legati agli acquisti tramite dispositivi digitali, ovvero i mobile banking malware.

Sul blog di Avira si parla dell’enorme quantità di tempo che passiamo sui nostri dispositivi, che rappresenta un forte richiamo per i pirati informatici. Seguendo le operazioni finanziarie e le attività legate ai nostri smartphone, questi sfruttano le vulnerabilità dei dispositivi, i canali pubblicitari mal controllati e l’ingenuità degli utenti per sviluppare nuove tipologie di malware per dispositivi mobili, come ad esempio HummingBad.

HummingBad e i suoi derivati sono una famiglia di malware che guadagna con le frodi sulle pubblicità e le installazioni di app, inondando gli ignari utenti di annunci e app di cui non riescono a sbarazzarsi. E l’attività rende bene. Ogni clic, ogni installazione sul dispositivo infetto si traduce in più soldi per i criminali, e parliamo di una stima di 300.000$ al mese.

La soluzione più comune per rimuovere questo malware è una vera e propria tragedia per il proprietario del dispositivo poiché di solito richiede un ripristino completo del sistema, con la conseguente cancellazione di tutte le app, le impostazioni e i file salvati.

Nell’odierno Far West digitale i banditi preferiscono agire online che rapinare fisicamente una banca: più soldi, meno fatica. Jesse James ha perfino scritto una guida in 5 passi per descrivere le tattiche e le tecniche di rapina del malware mobile HummingBad.  Sebbene le singole mosse dei criminali possano cambiare ad ogni nuova minaccia, una cosa è certa: i fuorilegge rimarranno in attesa della giusta occasione per attaccare la sicurezza del tuo smartphone. Con Avira potrete fermarli.

Leggete la “Guida al moderno Far West dei malware per dispositivi mobili” a questo link.

Man mano ci si avvicina al periodo natalizio i cyber-criminali intensificano le loro attività. Le loro azioni sono diventate un comportamento tipico e consueto. Nel mese di ottobre 2017 il numero di malware rilevati da Avira ha raggiunto i 400 milioni. Ottobre si posiziona quindi al quarto posto nel 2017 per numero di rilevamenti, mentre marzo si classifica primo con oltre 460 milioni di rilevamenti. All’interno di questo ampio gruppo di malware, i trojan, i file dannosi che cercano di intrufolarsi nel dispositivo mascherati da file innocui, sono stati 120 milioni, pari al 29,9% dei malware totali rilevati da ottobre.

In Italia, nel mese di ottobre i rilevamenti sono cresciuti del 12% rispetto a settembre, raggiungendo quota 11,8 milioni. I trojan intercettati sono aumentati dell’85%, più rapidamente rispetto alla media mondiale, passando dai 1,5 milioni di rilevamenti di settembre fino ai 2,8 milioni di ottobre.

In occasione del Black Friday, del Cyber Monday e della Cyber Week, Avira offre promozioni particolari per rendere ancora più conveniente la pluripremiata sicurezza che garantisce e per permettere di difendersi con maggiore facilità dai cyber-criminali che cercano di rubarvi denaro e privacy. Queste offerte, disponibili per un periodo limitato, vi proteggeranno sia a casa che fuori per il prossimo anno.

Per il Black Friday tutti i prodotti Avira saranno scontati del 40%. Si potrà ancora usufruire di sconti fino al 75% su Avira Antivirus, Optimization Suite e Total Security Suite durante la settimana del Cyber Monday. Anche per Avira Prime, lo speciale pacchetto che comprende tutti i servizi premium Avira, è offerto un prezzo scontato del 75% per 4 mesi, a soli 9,95 euro. 

“Ovunque e su qualsiasi dispositivo, con Avira la protezione della privacy è garantita”.

A proposito dell'autore

Fabio Montobbio

Genovese. Studi in architettura, trasformatisi ben presto in passione per il design, la grafica e la comunicazione. Attento a tutto cio’ che è lifestyle, dalla moda alla tecnologia. Scrivere è un modo per allargare i miei orizzonti, per tenermi sempre aggiornato sulle innovazioni che offre il mercato.