Apple ha annunciato oggi che Apple Park, il nuovo campus da circa 708.000 m2 dell’azienda, sarà pronto per l’ingresso dei dipendenti ad aprile. Il trasferimento di oltre 12.000 impiegati richiederà oltre sei mesi, mentre la costruzione di edifici e parchi proseguirà nel corso dell’estate 2017.

Concepito da Steve Jobs come un centro dedicato alla creatività e all’innovazione, Apple Park sta trasformando chilometri di asfalto in un paradiso di spazi verdi nel cuore della Santa Clara Valley. L’edificio principale del campus, con la sua forma circolare e un’area complessiva di 260.000 m2, è interamente rivestito con le più grandi vetrate curve al mondo.

Steve avrebbe compiuto 62 anni venerdì 24 febbraio 2017. Per onorare la sua memoria e la sua duratura influenza su Apple e sul mondo, l’auditorium dell’Apple Park sarà chiamato Steve Jobs Theater. Questo spazio, la cui inaugurazione è prevista più avanti nel corso dell’anno, avrà ben 1000 posti a sedere e un ingresso costituito da un cilindro di vetro alto 6 metri, con un diametro di 50, sormontato da un tetto in fibra di carbonio con finitura metallizzata. Lo Steve Jobs Theater è situato in cima a una collina, uno dei punti più alti all’interno dell’Apple Park, affacciato sui prati circostanti e sull’edificio principale.

“La vision di Steve per Apple si estendeva ben oltre il tempo che ha trascorso con noi. Ha concepito Apple Park come un centro di innovazione per generazioni a venire,” ha dichiarato Tim Cook, CEO di Apple. “Gli spazi di lavoro e i parchi sono progettati per offrire ispirazione al nostro team e apportare benefici all’ambiente. Abbiamo raggiunto l’obiettivo di realizzare uno degli edifici a maggiore efficienza energetica al mondo e il campus sarà interamente alimentato da energia rinnovabile.”

“Steve era affascinato e ispirato dal paesaggio californiano, dalla sua luce e dalla sua ampiezza. Era il suo luogo prediletto per riflettere. Apple Park cattura il suo spirito incredibilmente bene,” ha affermato Laurene Powell Jobs. “La sua genialità avrebbe ricevuto ulteriori stimoli in questo campus dal design splendidamente luminoso, e lo stesso avverrà di certo per tutti i dipendenti Apple.”

“Steve ha investito così tanta energia nel creare e sostenere ambienti creativi e vitali. Abbiamo affrontato la progettazione, lo sviluppo e la realizzazione del nostro nuovo campus con lo stesso entusiasmo e gli stessi principi di design che caratterizzano i nostri prodotti,” ha dichiarato Jony Ive, Chief Design Officer di Apple. “La fusione tra edifici incredibilmente complessi ed evoluti con distese verdi e ondeggianti dà vita a un splendido ambiente aperto che ispirerà le persone a creare, collaborare e lavorare insieme. Siamo stati estremamente fortunati a poter lavorare a stretto contatto, nel corso di molti anni, con lo straordinario studio di architettura Foster + Partners.”

Apple Park includerà un centro per i visitatori, con un Apple Store e una caffetteria aperta al pubblico, un centro fitness da 9300 m2 per i dipendenti Apple, laboratori di ricerca e sviluppo e lo Steve Jobs Theater. Le aree verdi offriranno ai dipendenti oltre tre chilometri di sentieri nel parco per correre e camminare, oltre a un frutteto, un prato e un laghetto nel terreno situato al centro della struttura circolare.

Progettato in collaborazione con Foster + Partners, Apple Park sostituisce oltre 464.000 m2 di asfalto e cemento con terreni erbosi e più di 9000 piante autoctone e resistenti al clima secco ed è interamente alimentato da energia rinnovabile. Grazie a un impianto fotovoltaico da 17 megawatt sul tetto, Apple Park sarà dotato di una delle più grandi installazioni di pannelli solari in loco al mondo. Sarà inoltre l’edificio con ventilazione naturale più imponente al mondo, progettato per non richiedere alcun riscaldamento né condizionamento per nove mesi all’anno.

Apple ha rivoluzionato la tecnologia personale con l’introduzione del Macintosh nel 1984. Ancora oggi Apple è all’avanguardia nel mondo per l’innovazione.

Salva

Salva

Salva

A proposito dell'autore

Fabio Montobbio

Genovese. Studi in architettura, trasformatisi ben presto in passione per il design, la grafica e la comunicazione. Attento a tutto cio’ che è lifestyle, dalla moda alla tecnologia. Scrivere è un modo per allargare i miei orizzonti, per tenermi sempre aggiornato sulle innovazioni che offre il mercato.