Arriva a Milano il car sharing di comunità. Ad annunciarlo è Share’n go, uno degli operatori già presenti in città con il proprio parco macchine elettrico. Un’idea nuova per favorire la mobilità condivisa, con uno sguardo alla sostenibilità ambientale.

Il parco auto

Il car sharing di comunità si può avvalere di un parco macchine ampio, composto da circa 25-40 mezzi elettrici a disposizione di 13 mila abitanti. Il costo? Dieci centesimi al minuto per guidare. I vantaggi? Nessun problema di parcheggio, ricerca box e nessun costo di gestione. In più la possibilità di condividere il tragitto verso l’ufficio o altre mete in compagnia. Dove? Il primo esperimento parte da Uptown, quartiere residenziale che sta prendendo forma a Cascina Merlata.

Cos’è il car sharing di comunità

Il nuovo servizio, tagliato su misura di un quartiere in divenire, permette ai futuri abitanti di optare per la sostituzione o integrazione dell’uso della propria auto proprio attraverso il servizio di noleggio dei mezzi a loro riservati da Share’ngo. È possibile accedere al servizio sottoscrivendo un abbonamento da almeno 60 minuti al mese (12 ore all’anno) al prezzo di dieci centesimi al minuto. Alla sottoscrizione, Share’n go omaggerà i fruitori del servizio con ulteriori 60 minuti. Tra le possibilità previste per gli utenti quella di scambiarsi i minuti tra vicini e quella di gestire tutte le operazioni comodamente dal proprio smartphone, con una semplice e funzionale app.

Cresce l’attenzione per il noleggio

In una società in completa trasformazione, dove diventano prioritarie idee come flessibilità e condivisione il noleggio assume sempre più rilievo. Sia perché cambia l’attenzione verso l’ambiente sia perché si ricerca una crescente comodità che passa anche per evitare l’eterna ricerca del posto auto sotto casa. Inoltre, il noleggio è per molti versi anche economicamente più conveniente dell’acquisto di un’auto perché libera il guidatore dai costi di gestione e acquisto benzina. La crescita del settore noleggio è trainata anche da servizi, come quelli offerti dal portale www.giffinoleggi.com, dedicati al mondo dell’edilizia e del lavoro. è possibile noleggiare, infatti, anche veicolo commerciali leggeri o piattaforme aeree, a costi competitivi e con un semplice click.

Perché scommettere sul car sharing di comunità

Ecco, quindi, che in un settore in crescita è necessario innovare per essere competitivi. Per Share’n go, il servizio pronto a prendere il via a Milano porterà a immettere in strada una vettura ogni 100 ore acquistate dai residenti con il servizio Wesare’ngo. Per Pierpaolo Turco, direttore commerciale della società, si tratta di “un progetto importante e ambizioso”, oltre che nuovo. Infatti, la società ci tiene a sottolineare le differenze con il tradizionale car sharing milanese. La prima differenza è nella tipologia di veicoli utilizzati, per questo nuovo servizio, infatti, saranno messi in circolazioni veicoli D2. Si tratta di auto di qualità superiori rispetto a quelle già in funzione. Il valore di queste vetture è pari a circa 19 mila euro l’una, per una velocità massima di 80 chilometri all’ora e un’autonomia di viaggio di 180 chilometri. Le auto sono elettriche e vanno caricate a una delle tre stazioni di ricarica e parcheggio previste nel complesso abitativo. Questi veicoli, in più, saranno immatricolati come quadricicli, quindi disponibili anche per la guida da parte di sedicenni.

 

 

A proposito dell'autore